Mistero sulla morte di Angelo Onorato: spuntano sms cancellati dal suo cellulare (il quadro è ‘quasi’ chiaro)

Si infittisce ancora di più il mistero riguardante la morte di Angelo Onorato: ora sono emerse informazioni in merito agli sms cancellati.

Inizialmente, poteva sembrare un suicidio, ma col tempo e con i vari indizi emersi è spuntata la possibilità di omicidio dell’imprenditore palermitano. Sua moglie, l’eurodeputata della Lega (e in passato anche candidata con la Lega Nord) Francesca Donato, insieme a sua figlia, sembrano esser certe che Angelo Onorato sia stato ucciso. Anche perché ora sono venuti alla luce dei dettagli in merito a degli sms cancellati dal suo smartphone.

Angelo Onorato morte
Angelo Onorato, per la moglie è omicidio – (Foto ANSA) – Giustiziabrescia.it

A condurre gli inquirenti al cadavere, in via Minutilla, sono state proprio la figlia e la moglie dell’ormai defunto imprenditore. Le due si erano preoccupate e sono riuscite a rintracciare la sua auto tramite un GPS. Sin dal principio, quindi, la vicenda ha preso subito i connotati del giallo più intrigante, anche perché l’uomo è stato ritrovato all’interno della sua auto senza vita e con una fascetta di plastica legata intorno al collo.

Un’altra fascetta è stata ritrovata a fianco della sua auto, vicino la parte posteriore del lato guidatore in cui lo sportello era anche aperto. Poche ore prima della sua morte si era recato in un bar, accompagnato da un uomo, di cui non si conosce l’identità.

Proprio per questo, e anche per aver risposto al telefono a un suo dipendente dicendo di essere in compagnia (Leggo.it), si è pensato che potesse esserci una o più persone all’interno della sua auto appena prima della sua morte, ma non ci sono indizi chiari in merito a ciò.

Angelo Onorato, qualcuno ha cancellato i messaggi dal suo smartphone

Oltre all’impronta di una mano, rilevata sopra al tettuccio dell’auto in cui è stato trovato morto, non sembrano esserci ulteriori indizi riguardanti delle probabili persone che potessero essere nell’auto con lui. Angelo Onorato aveva accostato accanto a una caserma abbandonata, nei pressi di alcuni terreni in cui doveva svolgere degli affari. Ciò che però fa sorgere tanti dubbi è il motivo per cui l’auto si sia fermata fra due telecamere di sorveglianza.

Angelo Onorato messaggi
Francesca Donato al funerale del marito – (Foto ANSA) – Giustiziabrescia.it

Esse sono disposte l’una dal lato opposto dell’altra, dove c’è un punto cieco in cui non possono riprendere. La zona del presunto omicidio sembra esser stata ben studiata, anche perché Onorato ci era tornato per ben due volte a pochi minuti di distanza. I presunti assassini sarebbero potuti fuggire o dall’interno della caserma abbandonata, che si affaccia su una ferrovia, o sull’autostrada.

Di certo, se di omicidio si tratta, sembra sia stato effettuato da mani molto esperte, visti i pochi indizi lasciati al caso. Oltre agli sms cancellati, sarebbero scomparsi dal suo smartphone anche foto e dati, ma non se ne conosce il motivo. Gli esami irripetibili sullo smartphone sono stati svolti il 6 giugno, ma si attendono ancora i risultati. Onorato è morto il 25 maggio del 2024 in Via Minutilla, ad appena 10 minuti di auto da Capaci.

Nello stesso comune, il 23 maggio del 1992 era avvenuto l’attentato di Cosa Nostra ai danni dei magistrati Giovanni Falcone e Francesca Morvillo, sua moglie, oltre che della loro scorta. Recentemente, in Sicilia, sono avvenuti arresti per accuse di stampo mafioso e manipolazioni di aste. La criminalità organizzata è ancora presente sul territorio e proprio di ciò ha voluto parlare Francesca Donato durante il funerale del marito.

La donna, che recentemente ha ricevuto una lettera scritta dal marito (preoccupato per la sua incolumità) e consegnata all’avvocato a febbraio, ha affermato che Palermo è una città ricca di contrasti. Poi, ha proseguito così: “Non si può lasciare la Sicilia in mano a chi decide di risolvere i problemi con la morte e l’odio” (Ilfattoquotidiano.it).

Impostazioni privacy