Ti fai male tuffandoti in piscina? Chiedi il risarcimento dei danni

Un evento tragico ha scosso recentemente la comunità degli appassionati di nuoto e non solo.

Una giovane ragazza, durante un tuffo in una parte poco profonda della piscina, ha riportato gravi danni fisici. La vicenda, giunta fino alla Corte di Cassazione, ha sollevato importanti questioni riguardanti la sicurezza nelle strutture natatorie e le responsabilità dei gestori delle stesse.

piscina danni segnaletica
Una ragazza si tuffa in piscina, si fa male e chiede i danni – Giustiziabrescia.it

Questo episodio rappresenta un campanello d’allarme per tutti i gestori delle piscine, affinché adottino misure preventive più stringenti e migliorino continuamente gli standard di sicurezza all’interno delle loro strutture.

La sentenza della Cassazione

La sentenza 5086/11 della Cassazione ha stabilito un importante precedente: i gestori delle piscine sono ora avvertiti che devono munirsi di adeguata segnaletica per indicare le zone dove è vietato tuffarsi a causa della scarsa profondità dell’acqua. In assenza di tale segnaletica, saranno ritenuti responsabili per i danni subiti da chiunque si tuffi ignorando il rischio.

piscina danni segnaletica
Le segnaletiche sono molto importanti in piscina – Giustiziabrescia.it

Il Tribunale aveva inizialmente riconosciuto alla vittima un risarcimento significativo, ma la situazione si è complicata quando lo Sporting Club coinvolto ha fatto appello. La Corte territoriale aveva individuato un concorso di colpa tra la giovane nuotatrice esperta e la società gestrice della piscina. Il ricorso in Cassazione presentato dalla ragazza, però, ha ribaltato questa visione: secondo i giudici supremi, attribuire l’intera responsabilità dell’accaduto alla sola imprudenza della vittima era ingiusto e non teneva conto dell’assenza di adeguata segnaletica informativa sulle condizioni di sicurezza specifiche della piscina.

La Suprema Corte ha sottolineato come l’apposizione di cartelli indicatori sia una misura fondamentale per garantire la sicurezza degli utenti delle piscine. Questa prassi non solo informa chiaramente sui potenziali pericoli legati alla profondità variabile dell’acqua ma rappresenta anche una forma essenziale di prevenzione degli incidenti. Nonostante l’assenza di normative specifiche al riguardo, tale obbligo deriva dalle “comuni regole di prudenza” che ogni gestore dovrebbe osservare nell’esercizio delle proprie attività.

Questo caso mette in evidenza quanto sia cruciale adottare tutte le precauzioni necessarie per evitare incidenti simili in futuro. La decisione della Corte invita tutti i gestori delle strutture natatorie a riflettere sull’importanza del loro ruolo nella prevenzione degli incidenti e nella tutela dell’integrità fisica dei frequentatori. È evidente come una maggiore attenzione alle norme basilari di sicurezza possa fare la differenza nel proteggere efficacemente gli utenti più giovani o meno esperti dai rischi associati all’utilizzo improprio delle infrastrutture sportive acquatiche.

Gestione cookie