Titoli necessari per graduatorie terza fascia ATA: ecco gli ultimi aggiornamenti

Le persone che aspirano a trovare occupazione come personale ATA possono migliorare la propria graduatoria con i seguenti titoli

Soprattutto a partire dalla pandemia da Covid-19, moltissime persone, in particolare giovani, hanno trovato impiego nel mondo della scuola. Possiamo dire a tutti gli effetti che l’istruzione pubblica abbia rappresentato una forma di welfare a partire da quel terribile periodo che tutti abbiamo vissuto. Molti così sono riusciti a coronare il proprio sogno insegnando, altri, invece, pur con percorsi di vita e di studio differenti, hanno trovato occupazione come personale ATA.

Titoli graduatorie personale ATA
Tantissime persone hanno trovato occupazione come personale ATA – Giustiziabrescia.it

Gli aspiranti ATA (Assistenti Tecnici Amministrativi) possono migliorare la loro posizione in graduatoria di terza fascia grazie ai titoli di cultura che possiedono. Il Decreto Ministeriale 89/2024 fornisce una guida dettagliata sui vari titoli e il punteggio associato a ciascuno, specificando i criteri di valutazione per ogni profilo.

Per tutti i profili ATA il titolo di accesso, che può essere un diploma o altro titolo, viene valutato in base alla media dei voti ottenuti. La valutazione esclude i voti di religione, educazione fisica e condotta quando espressi in decimi. Le valutazioni sono calcolate sulla base degli ultimi aggiornamenti, ma vediamo quali sono i titoli per le graduatorie di terza fascia.

Graduatorie terza fascia ATA: ecco i titoli necessari

Se il titolo di studio riporta una qualifica complessiva, si attribuiscono i seguenti valori. Sufficiente: 6 punti; buono: 7 punti; distinto: 8 punti; ottimo: 9 punti Per i titoli di studio con punteggio unico per tutte le materie, il punteggio viene rapportato a 10. Un diploma con punteggio 70 quindi equivale a 7 punti in graduatoria.

Titoli necessari graduatorie terza fascia ATA
Graduatorie personale ATA: i titoli che aumentano il punteggio – Giustiziabrescia.it

Come detto, moltissime persone, pur con percorsi di studi diversi, scelgono di trovare impiego come personale ATA. La laurea, sia triennale che magistrale, aggiunge 2 punti per tutti i profili, eccetto per il collaboratore scolastico e l’operatore scolastico. Anche i profili di guardarobiere e operatore dei servizi agrari ottengono 3 punti con il diploma di maturità. Le certificazioni inserite nel precedente aggiornamento non vengono rivalutate e la certificazione digitale come titolo di accesso non ottiene alcun punteggio aggiuntivo.

Vi sono, peraltro, altri titoli che possono concorrere ad aumentare i punteggi quali, per esempio, le certificazioni informatiche, che aggiungono 0,25 punti per tutti i profili. L’attestato di dattilografia aggiunge invece un punto solo per il profilo dell’assistente amministrativo, così come l’attestato di qualifica professionale (art. 14 legge 845/1978 e art. 8 dlgs 13/2013) aggiunge 1,50 punti solo per il profilo dell’assistente amministrativo.

Impostazioni privacy