Mantenimento dei figli maggiorenni: nel 2024 è obbligatorio solo in alcuni casi

Cosa bisogna saper sul mantenimento dei figli maggiorenni, nel 2024 è obbligatorio solo in questi casi: tutte le informazioni utili.

Tutti sanno che i genitori hanno il dovere di mantenere, istruire ed educare i figli. Questo obbligo fondamentale è sancito dalla legge, nello specifico all’art 147 del Codice Civile. Un obbligo che riguarda i figli minori, ma che non viene automaticamente meno quando i figli raggiungono la maggiore età, perché possono ancora avere bisogno dei genitori, soprattutto dal punto di vista economico.

mantenimento figli maggiorenni obbligatorio
Mantenimento dei figli maggiorenni, obbligatorio solo in alcuni casi – Giustiziabrescia.it

Nella maggior parte dei casi, infatti, i figli continuano a studiare anche una volta terminata la scuola per frequentare l’università o seguire altri corsi di formazione professionale. Tutti sanno, poi, quanto sia difficile l’accesso al mondo del lavoro per i giovani, con poche proposte valide di lavoro, spesso sottopagato o addirittura gratuito, tanto da rendere molto difficile, se non impossibile, ai giovani mantenersi da soli.

Esistono, tuttavia, dei limiti oltre i quali i genitori non sono più obbligati a mantenere i figli adulti. Arrivati a un certo punto, nonostante le difficoltà del mercato del lavoro, i figli devono imparare a cavarsela da soli e non possono più contare sul costante aiuto dei genitori. Ecco cosa bisogna sapere.

Mantenimento dei figli maggiorenni: è obbligatorio solo in questi casi

Non solo gli obblighi dei genitori verso i figli, ma anche il generico dovere di solidarietà tra familiari, che è alla base del nostro ordinamento giuridico, impongono ai genitori di mantenere i figli anche quando sono abbondantemente maggiorenni e hanno raggiunto da tempo l’età adulta. Come dicevamo prima, infatti, oggi possono passare anche diversi anni prima che i figli riescano ad acquisire una certa indipendenza economica staccandosi definitivamente dalla famiglia.

In quali casi il mantenimento dei figli maggiorenni è obbligatorio
Ecco quando i genitori devono mantenere i figli adulti – Giustiziabrescia.it

Tra formazione universitaria e professionale, corsi di specializzazione, stage e tirocini gratuiti, primi lavori con stipendi molto bassi se non addirittura gratuiti (per fare esperienza), molti giovani sono costretti a dipendere a lungo dai genitori. Il distacco dalla famiglia può avvenire molto tardi e spesso solo quando si trova un compagno o una compagna con cui condividere le spese di affitto di una casa, mutuo, bollette e uscite della vita quotidiana.

Una condizione che impedisce a molti giovani, anche se adulti, di andare a viver da soli e mantenersi in modo autonomo. Di questa condizione, tuttavia, i giovani adulti non possono approfittarsi quando effettivamente hanno un lavoro che permette loro di mantenersi da soli o comunque sono in grado di trovarlo. Arriva un momento, infatti, in cui i giovani adulti non possono più chiedere ai genitori di aiutarli e devono mantenersi da soli.

Non esiste una norma specifica che stabilisce quando arriva questo momento, sono diverse le sentenze della Corte di Cassazione che hanno deciso riguardo a singoli casi ma dai quali si può ricavare un principio generale, applicabile anche a casi simili. In linea di massima, la Cassazione ha stabilito che nonostante gli anni di studio e le difficoltà del mercato del lavoro, un giovane deve rendersi indipendente dai genitori una volta raggiunti i 30 anni.

Una soglia questa che può arrivare a 35 anni per chi ha intrapreso percorsi di studio molto lunghi, come i medici specializzati o i dottorandi. Raggiunta questa età, il figlio adulto deve contare sulle sue forze e rendersi indipendente anche se disoccupato. Non può più chiedere ai genitori di mantenerlo, a meno che non si trovi in una condizione di inabilità grave a svolgere un’attività lavorativa. Ogni situazione, comunque, è un caso a sé e possono verificarsi delle eccezioni.

Impostazioni privacy