Foto su whatsapp, con queste i guai sono assicurati anche se non sono tue

Le foto su Whatsapp non autorizzate potrebbe portare a gravi conseguenze sia a livello personale sia legale.

La questione della legalità nella condivisione di immagini e video a sfondo sessuale, in particolare quando questi sono stati originariamente pubblicati su piattaforme online come siti di incontri, è stata oggetto di un’importante chiarimento da parte della Corte di Cassazione.

whatsapp foto revenge porn
Foto non autorizzate su Whatsapp potrebbe causare gravi conseguenze legali – Giustiziabrescia.it

La sentenza n. 25516 del 27 giugno 2024 ha posto l’accento sulla gravità del fenomeno noto come revenge porn, ampliando la comprensione e le conseguenze legali legate alla sua pratica.

Cosa dice la legge sul revenge porn?

Il Codice penale italiano si è dotato dell’articolo 612-ter per contrastare il fenomeno del revenge porn, definendolo come il reato perpetrato da chiunque diffonda o pubblica materiale a contenuto sessualmente esplicito senza il consenso delle persone coinvolte. Le sanzioni per tali atti vanno dalla reclusione da uno a sei anni fino a multe che possono raggiungere i 15.000 euro, segnando un importante passo avanti nella tutela della privacy individuale.

whatsapp foto revenge porn
Il revenge porn è reato – Giustiziabrescia.it

La recente sentenza della Cassazione ha messo in luce due aspetti cruciali per determinare cosa costituisca effettivamente un atto di revenge porn. Primo fra tutti, la natura delle immagini o dei video: qualsiasi contenuto che mostri attività sessuali o parti intime viene considerato sensibile indipendentemente dal contesto originario di condivisione.

L’interpretazione fornita dalla Suprema Corte enfatizza che non importa se le immagini fossero già disponibili su piattaforme accessibili solo previa registrazione; ciò che conta è il consenso alla loro ulteriore divulgazione. Questa decisione pone una pietra miliare nel riconoscimento dei diritti alla privacy e all’integrità personale nell’era digitale, stabilendo chiaramente che ogni forma di condivisione non autorizzata rappresenta un abuso grave.

Le persone colpite dal fenomeno del revenge porn hanno ora strumenti più efficaci per difendersi grazie alle nuove interpretazioni legislative e alle sentenze come quella analizzata. È fondamentale sapere che esiste una finestra temporale entro sei mesi dalla presa d’atto dell’abuso per presentare denuncia contro gli autori del reato. Questa possibilità rappresenta un importante mezzo attraverso il quale le vittime possono cercare giustizia e riparazione ai danni subiti.

Questo articolo ha esplorato gli aspetti salienti relativamente alla problematica del revenge porn nel contesto legislativo italiano attuale, evidenziando sia le responsabilità penali sia i diritti delle vittime in risposta a tale fenomeneno sempre più diffuso nell’era digitale.

Gestione cookie