TFR non pagato? Non possono tirarsi indietro e segui questa strada per recuperarlo

Una delle questioni che maggiormente preoccupa i lavoratori riguarda il TFR, specialmente quando l’azienda attraversa periodi di crisi.

Il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) rappresenta una parte fondamentale dei diritti dei lavoratori italiani, essendo un’importante risorsa economica accumulata nel corso della carriera.

TFR azienda soldi recuperare
Come recuperare il TFR – Giustiziabrescia.it

Ma cosa accade se il datore di lavoro dichiara di non essere in grado di versare il TFR per mancanza di liquidità? Esploriamo insieme le normative vigenti e le azioni possibili a tutela dei diritti dei lavoratori.

A chi spetta il TFR?

Il TFR è un diritto irrinunciabile del lavoratore, che matura durante tutto l’arco del rapporto lavorativo e viene liquidato al momento della cessazione dello stesso, indipendentemente dalle cause che hanno portato alla fine del rapporto. Questo significa che ogni dipendente ha diritto a ricevere tale somma sia in caso di dimissioni sia in caso di licenziamento, inclusi scenari come fallimento dell’azienda o pensionamento.

TFR azienda soldi recuperare
Il TFR va erogato sia in caso di dimissioni sia di licenziamento – Giustiziabrescia.it

La tempistica per la liquidazione del TFR varia a seconda delle disposizioni contenute nei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (CCNL). In assenza di indicazioni specifiche, la normativa prevede che il TFR debba essere corrisposto contestualmente all’ultima retribuzione. È importante sottolineare come molte aziende tendano ad utilizzare questi fondi come risorsa finanziaria interna, nonostante ciò comporti una violazione dei diritti dei dipendenti.

Sebbene la pratica della rateizzazione del pagamento possa sembrare una soluzione praticabile per superare momentaneamente problemi legati alla liquidità aziendale, è essenziale ricordare che ogni dipendente ha pieno diritto a ricevere l’intero importo maturato in un’unica soluzione. Qualora ciò non avvenga, è possibile intraprendere azioni legali volte alla tutela dei propri interessi.

La legge, inoltre, impone alle aziende l’obbligo incondizionato al versamento del TFR indipendentemente dalla situazione economica-finanziaria dell’impresa. I ritardi o mancati pagamenti possono quindi essere oggetto d’intervento giudiziario da parte del lavoratore tramite l’emissione e notifica al datore d’un decreto ingiuntivo.

Anche se i sindacati non possono agire direttamente in giudizio contro i datori senza passare attraverso consulenze legali esterne o interne all’organizzazione sindacale stessa, rappresentano comunque una risorsa preziosa per i lavoratori nella trattativa con l’azienda e nella ricerca delle migliori strategie da adottare.

In casi estremamente gravi dove l’azienda si trovi nell’impossibilità totale d’onorare tale obbligazione finanziaria verso i propri ex-dipendenti, esistono strumentazioni legalmente previste quali la richiesta d’intervento del Fondo Garanzia INPS dopo aver tentato tutte le vie legalmente perseguibili compreso eventualmente quello fallimentare dell’impresa.

Gestione cookie