Se non vogliono assumerti puoi denunciarli per falsa partita IVA, ecco cos’è e come funziona

La problematica dei lavoratori con falsa partita IVA è sempre più attuale nel panorama lavorativo italiano.

Molto spesso, infatti, si assiste ad una crescente “flessibilizzazione” del lavoro che non deve tradursi in una elusione delle tutele previste per i lavoratori dipendenti.

denuncia falsa partita iva
Se non vogliono assumerti puoi denunciarli per falsa partita IVA – Giustiziabrescia.it

Affrontare la problematica delle false partite IVA richiede attenzione alle dinamiche contrattuali e alla realtà operativa quotidiana più che alle mere denominazioni formali dei rapporti di lavoro. La denuncia diventa cruciale per ripristinare le corrette tutele nei confronti dei lavoratori ingiustamente privati dei loro diritti.

Quando posso denunciare l’abuso di una falsa partita IVA?

Il primo passo consiste nell’identificare se il rapporto di lavoro avrebbe dovuto essere classificato come dipendente piuttosto che come collaborazione esterna. Non sono tanto determinanti il luogo o l’orario di lavoro quanto la modalità con cui viene svolta l’attività e il grado di autonomia del lavoratore rispetto alle direttive del datore. La subordinazione si manifesta attraverso un assoggettamento al potere direttivo e disciplinare del datore, configurando così un rapporto di lavoro dipendente mascherato da collaborazione autonoma.

denuncia falsa partita iva
Lavoro – Giustiziabrescia.it

La subordinazione rappresenta l’elemento chiave per distinguere un vero rapporto di lavoro autonomo da uno subordinato sotto le vesti di partita IVA. Si caratterizza per il completo assoggettamento del lavoratore al potere direttivo, organizzativo e disciplinare del datore. Quest’ultimo esercita controllo sulle modalità esecutive dell’attività, limitando significativamente la libertà decisionale del prestatore d’opera.

Esistono vari indicatori che possono suggerire la natura subordinata del rapporto: orari imposti dal datore, controllo sulle assenze, sanzioni disciplinari applicabili solo ai dipendenti, inserimento nell’organizzazione aziendale senza autonomia imprenditoriale e retribuzione periodica fissa. Queste caratteristiche contrastano con la definizione legale di lavoro autonomo.

Per far valere i propri diritti è necessario rivolgersi al tribunale entro 5 anni dalla cessazione del rapporto lavorativo, fornendo prove della natura subordinata dello stesso (testimonianze, documentazioni ecc.). Il giudice può riconoscere le differenze retributive dovute al lavoratore come se fosse stato correttamente inquadrato fin dall’inizio.

In caso di abuso nella reiterazione dei contratti autonomi mascherati da relazioni subordinate, si apre la strada al risarcimento integrale anziché all’indennizzo previsto per i contratti a termine illegittimi. La giurisprudenza ha chiarito che in presenza dell’accertamento della natura subordinata non trovano applicazione le normative indennitarie, ma quelle risarcitorie a tutto vantaggio dei diritti dei lavoratori coinvolti.

Gestione cookie