Assunzione agevolata per i padri: scopriamo meglio come funziona

L’assunzione agevolata rappresenta una delle misure più discusse e dibattute nel panorama legislativo italiano, soprattutto quando si tratta di equità di genere e di diritti dei lavoratori.

Recentemente, un tema particolarmente sensibile ha riguardato l’introduzione di specifiche agevolazioni contributive destinate alle lavoratrici madri, sollevando questioni legali e principi di parità che meritano un’analisi approfondita.

padre figlio assunzione agevolata
L’assunzione agevolata per i padri è un tema discusso – Giustiziabrescia.it

La Legge di Bilancio 2024 ha introdotto una novità significativa in termini di sostegno alle famiglie, prevedendo un’esenzione al 100% delle quote dei contributi previdenziali a favore delle lavoratrici madri di due o più figli minori, con un limite annuo fissato a 3.000 euro. Questa misura è stata concepita con l’intento di offrire un supporto concreto alle donne che si trovano a gestire contemporaneamente impegni lavorativi e familiari. Tuttavia, la specificità del beneficio riservato esclusivamente alle madri ha sollevato interrogativi sulla sua conformità ai principi europei in materia di parità di trattamento tra i generi.

Attenzione alla nuova direttiva

Il cuore della questione ruota attorno alla direttiva UE 79-7-C, che vieta esplicitamente discriminazioni basate sul genere non solo per quanto concerne lo stipendio ma anche nei regimi previdenziali. La normativa europea stabilisce chiaramente che ogni forma di discriminazione basata sul sesso è vietata, inclusa quella relativa agli obblighi contributivi. Pertanto, secondo questa direttiva, l’esenzione contributiva dovrebbe essere estesa indistintamente sia ai padri che alle madri lavoratori con figli minorenni.

padre figlio assunzione agevolata
La nuova normativa aiuta i padri – Giustizabrescia.it

Un caso giudiziario spagnolo analogo alla situazione italiana fornisce un importante precedente in materia. Nel 2018 la Corte Di Giustizia Dell’Unione Europea ha valutato una normativa spagnola simile come illegittima poiché negava ai lavoratori maschi il medesimo beneficio pensionistico riservato alle donne con almeno due figli. Tale disposizione è stata ritenuta discriminatoria rispetto alla direttiva europea sulla parità tra i sessi sottolineando come non ci sia ragione valida per limitare tali benefici esclusivamente alle donne.

Alla luce dei principî espressati dalla Corte UE e dell’attuale legislazione italiana sull’esonero contributivo previsto dalla legge n°213 del 2023 rivolto solo alle madri lavoratrici, emerge chiaramente l’incompatibilità con i principî europei di parità di trattamento. Questo lascia presupporre che ogni padre italiano impiegato come lavoratore dipendente con almeno due figli potrebbe rivendicare lo stesso sgravio contributivo fino a 3 mila euro riservato formalmente solo alle madre. In base al primato del diritto dell’Unione europea, il giudice italiano del lavoro sarebbe quindi obbligato a riconoscere tale esenzione anche ai padri superando così le disposizioni nazionali che si rivelano incompatibili.

La situazione evidenziata solleva non solo questioni di equità, ma anche implicazioni economiche significative per il bilancio dello Stato, rischiando di aprire ulteriori buchi non preventivati. Le critiche mosse all’attuale governo riguardano principalmente la mancanza di conoscenza o considerazione della giurisprudenza della Corte UE e delle possibili ripercussioni che tale ignoranza potrebbe avere sui cittadini italiani in termini di oneri economici da sopportare. Qualsiasi tentativo da parte dell’INPS di negare lo sgravio contributivo ai padri, chiederebbe loro d’intraprendere azioni legali.

In questo scenario complesso, è essenziale riflettere su come le politiche pubbliche possano e debbano rispettare pienamente il principio della parità di trattamento e garantire che nessun genitore sia svantaggiato nelle opportunità di sostegno economico per il fatto di dedicarsi all’educazione dei propri figli. La discussione sulle assunzioni agevolate per i padri mette in luce la necessità di armonizzare la legislazione nazionale con gli standard internazionali europei, e dimostra quanto sia cruciale continuare a vigilare sul rispetto dei diritti fondamentali negli ambienti lavorativi e nella società in generale.

Gestione cookie