Arriva la possibilità di sospendere i mutui: l’aspettavano tutti, ecco chi può richiederla subito

Sospensione delle rate di mutui e finanziamenti: ecco per chi arriva questa possibilità e come fare per richiederla.

Il settore primario, in Italia, è stato duramente colpito da una forte crisi. Fattori come la guerra in Ucraina e la diffusione di malattie delle piante hanno avuto un impatto devastante sulla produzione agricola. Questi eventi hanno messo a rischio la disponibilità di materie prime agricole, compromettendo l’intera filiera produttiva.

Come richiedere possibilità di sospendere i mutui
Arriva la possibilità di sospendere il mutuo – Giustiabrescia.it

Ebbene, il Decreto Legge 63 del 2024, pubblicato il 15 maggio 2024, introduce diverse misure a tutela del settore agricolo italiano, duramente colpito da una serie di crisi economiche e ambientali. Tra queste misure, una delle più rilevanti è la possibilità di sospendere il pagamento delle rate di mutui e finanziamenti per le imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura. Ma come funziona esattamente?

Sospensione mutui: ecco gli obiettivi del Decreto

All’articolo 1, comma 2 del Decreto Legge 63/2024, viene stabilita la possibilità per le imprese agricole, della pesca e dell’acquacoltura di sospendere il pagamento delle rate di mutui e finanziamenti. Questa misura è riservata alle imprese che nel corso del 2023 hanno subito una riduzione del volume d’affari di almeno il 20% rispetto al 2022.

Sospensione mutui
Il Decreto mira ad aiutare il settore agricolo e sospendere le rate del mutuo per le imprese – Giustiziabrescia.it

La sospensione può durare fino a un massimo di 12 mesi e riguarda esclusivamente la parte capitale delle rate. Il piano di rimborso verrà quindi allungato di un periodo pari a quello della sospensione, senza comportare nuovi oneri per le parti coinvolte. Tra gli obiettivi principali ci sono:

  • Tutelare le imprese del settore agroalimentare e della pesca;
  • Contrastare la diffusione di malattie animali come la peste suina africana e la brucellosi bovina, bufalina, ovina e caprina;
  • Rafforzare i controlli nel settore agroalimentare;
  • Stabilire regole in materia faunistica e venatoria;
  • Adottare misure urgenti per le imprese del settore primario;

Per poter usufruire della sospensione però, le imprese devono soddisfare specifici requisiti. Come dicevamo prima, innanzitutto devono aver subito una riduzione del volume d’affari di almeno il 20% nel 2023 rispetto all’anno precedente. Inoltre, devono presentare un’autocertificazione che attesti la suddetta riduzione del volume d’affari grazie alla quale si può accedere al beneficio senza complicate procedure burocratiche.

Questa autocertificazione, inoltre, deve essere inviata all’istituto di credito o all’ente finanziario con cui è stato stipulato il mutuo o il finanziamento che potrà così, dopo aver effettuato i dovuti controlli, accettarla e sospendere il finanziamento. Le imprese infine devono avere esposizioni debitorie che non siano considerate deteriorate alla data di entrata in vigore del decreto (16 maggio 2024).

Impostazioni privacy