Come comportarsi se si vede un poliziotto fare la foto dei nostri documenti

In un mondo sempre più digitalizzato, la questione della privacy assume un ruolo centrale nelle interazioni quotidiane con le autorità.

Recentemente, molti si sono chiesti se le forze dell’ordine abbiano il diritto di fotografare i documenti personali durante un controllo.

polizia foto documento
Come comportarsi se un poliziotto scatta una foto al nostro documento? – Giustiziabrescia.it

La risposta a questa domanda richiede una comprensione chiara delle leggi vigenti e del contesto in cui tale azione viene eseguita. Andiamo a scoprire insieme tutti i dettagli.

La legge sulla privacy e il diritto delle Forze dell’Ordine

Secondo la normativa attuale, non esiste alcun divieto per la polizia o altri pubblici ufficiali di scattare fotografie ai documenti personali dei cittadini. Questa pratica è considerata lecita a patto che sia effettuata da personale autorizzato nel corretto svolgimento delle loro funzioni. La Legge sulla privacy riconosce infatti ai poteri pubblici la facoltà di prendere nota, anche attraverso fotografie, dei documenti di identità o altri dati personali durante controlli o operazioni di sicurezza.

polizia foto documento
La polizia ha il diritto di scattare foto ad un documento – Giustiziabrescia.it

L’articolo 4 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza (t.u.l.p.s.) chiarisce ulteriormente quando e come le autorità possono richiedere l’identificazione dei cittadini. In particolare, viene data facoltà alle forze dell’ordine di ordinare rilievi segnaletici per persone considerate pericolose o sospette, nonché a coloro che non sono in grado o si rifiutano di provare la loro identità. Questa disposizione legalizza quindi l’utilizzo della fotografia come strumento per registrare tali informazioni.

Un aspetto cruciale riguarda l’utilizzo degli strumenti tecnologici durante queste operazioni. Le forze dell’ordine devono utilizzare dispositivi ufficialmente assegnati e adeguatamente protetti contro eventuali violazioni informatiche. Ciò garantisce che i dati raccolti siano trattati nel pieno rispetto della privacy del cittadino e conservati in modo sicuro.

Non vi sono limitazioni specifiche sul momento in cui la polizia può decidere di fotografare i documenti d’identità; ciò può avvenire ogni qual volta lo ritengano necessario per motivazioni legate alla prevenzione o all’esecuzione delle loro mansioni operative. Importante è che tale pratica avvenga sempre nel rispetto delle normative vigenti relative alla privacy e alla protezione dei dati personali.

Mentre alcuni potrebbero percepire questa pratica come invasiva, è importante ricordare che essa si inserisce in un quadro normativo ben definito volto a bilanciare le esigenze di sicurezza collettiva con il rispetto dei diritti individuali.

Gestione cookie