Pignoramento conto corrente: arriva la soglia che ti salva, sfruttala subito

Se temi il pignoramento del conto corrente, adesso arriva una soglia che ti salva. Sfruttala subito: cosa bisogna sapere. 

Delle volte potrebbe capitare di incorrere nel pignoramento del conto corrente: questa è una forma di esecuzione forzata dal credito incompiuto. Stiamo parlando di un’azione esecutiva che potrebbe comportare diverse conseguenze ed effetti. Tra i primi effetti del blocco del conto corrente, potrebbero essere in parte inefficaci le operazioni successive compiute dal debitore, tra le procedure invece spicca senza dubbio la collaborazione con la banca.

Pignoramento conto corrente
C’è una soglia che ti salva dal pignoramento del conto corrente – Giustiziabrescia.it

Quest’ultima, infatti, dovrà provvedere al trasferimento delle cifre presenti. In pochi però sono a conoscenza di alcuni limiti che bisogna rispettare, motivo per cui per tutti gli interessanti è importante conoscere la cifra impignorabile sul proprio conto corrente. La cifra non è fissa e può variare in funzione della natura dei redditi accreditati sul conto stesso. Adesso quindi andremo a vedere come funziona il pignoramento del conto corrente e per quale somma scatta l’esecuzione e il minimo impignorabile.

Conto corrente, non è pignorabile con questa soglia: potrai sfruttarla efficacemente

Il pignoramento del conto corrente rappresenta un’importante procedura giuridica che può avere profonde implicazioni per i debitori e i creditori coinvolti. Quando un creditore decide di procedere con il pignoramento, ci sono diversi aspetti e regolamenti che devono essere presi in considerazione per assicurare una corretta esecuzione dell’atto. Per prima cosa il pignoramento del conto corrente è un tipo di esecuzione presso terzi che coinvolge quindi beni mobili in possesso di terzi.

Soglia conto corrente non pignorabile
La soglia che ti salva dal pignoramento del conto corrente – Giustiziabrescia.it

Tale procedura richiede che il creditore abbia un titolo esecutivo valido che servirà per attestare il debito del proprietario del conto. L’efficacia del pignoramento dipende principalmente dalla disponibilità di un saldo sufficiente sul conto per coprire il credito del creditore.

Solo il saldo positivo può essere pignorato, in caso di conto in rosso, i versamenti successivi alla riattivazione potrebbero essere soggetti a pignoramento. Le normative stabiliscono che ci sono alcune somme che non possono essere pignorate, in particolare per i conti dei pensionati e dei dipendenti. Quindi al di sotto del triplo dell’assegno sociale, attualmente pari a 1.603,23 euro per il 2024, il saldo non può essere oggetto di pignoramento.

Questa misura di protezione è progettata per garantire che i pensionati e i dipendenti mantengano un livello minimo di sicurezza finanziaria. Per quanto riguarda il limite massimo pignorabile, stipendi, TFR e altre somme vantate da lavoratori dipendenti possono essere pignorati fino a un massimo di un quinto del netto. Per le pensioni il limite è un quinto del netto, con deduzione del “minimo vitale”, fissato al doppio dell’assegno sociale.

La procedura di pignoramento segue un iter preciso: il creditore deve notificare al debitore il titolo esecutivo e l’atto di precetto, nonché notificare sia alla banca che al debitore l’atto di pignoramento. Questi passaggi sono fondamentali per garantire che il debitore sia informato correttamente e che la banca blocchi il conto come richiesto dall’ufficiale giudiziario.

Gestione cookie