Posto di lavoro stressante? Puoi chiedere i permessi per non andare al lavoro

Giorni di malattia per stress: un diritto riconosciuto ormai riconosciuto dalla legislazione, perché il benessere è anche mentale.

Il benessere psicologico sul posto di lavoro è una tematica sempre più al centro dell’attenzione nel mondo del lavoro moderno. Tra le varie problematiche che possono incidere negativamente sulla salute mentale dei lavoratori, lo stress e l’ansia causati da ambienti lavorativi tossici, come il mobbing, rappresentano una delle cause principali di malattia. Ma cosa accade quando un dipendente si trova a dover affrontare queste situazioni? È possibile prendersi dei giorni di malattia per stress?

Il riconoscimento della malattia da stress lavorativo

La risposta è affermativa: i lavoratori hanno il diritto di assentarsi dal lavoro per motivi legati allo stress e all’ansia causati dall’ambiente lavorativo. Tuttavia, per poter usufruire di tale diritto, è necessario seguire un iter ben preciso che inizia con la diagnosi medica. Infatti, il primo passo consiste nel procurarsi un certificato medico che attesti la presenza di una condizione patologica legata allo stress o all’ansia correlata al contesto lavorativo.

Questo aspetto sottolinea l’importanza del ruolo del medico nella valutazione delle condizioni psicofisiche del paziente-lavoratore e nella certificazione della necessità di un periodo di riposo finalizzato alla guarigione. La diagnosi deve quindi essere chiara nel collegare lo stato d’ansia e lo stress direttamente alle dinamiche professionali vissute dal dipendente.

L’obbligo durante i giorni di malattia. Una volta ottenuto il certificato medico necessario per attestare la condizione legata allo stress da lavoro correlato, il dipendente è tenuto a rispettare determinate normative durante il periodo di assenza dal lavoro. Tra queste vi è l’obbligo fondamentale del rispetto degli orari previsti per le visite fiscali: durante questi specifici intervalli temporali, il lavoratore deve essere presente presso la propria abitazione affinché sia possibile effettuare eventuali controlli sulla veridicità dello stato d’infermità dichiarato.

permessi per stress sul lavoro
Molti lavori possono essere fonti di stress – Foto | Giustiziabrescia.it

Questa disposizione mira a garantire che i giorni di riposo concessi siano effettivamente utilizzati ai fini della guarigione e non vengano abusati. È quindi essenziale che i dipendenti siano consapevoli delle loro responsabilità anche durante i periodi d’assenza dal lavoro dovuti a motivazioni sanitarie.

Superamento dei limiti massimi stabiliti dai contratti collettivi. Un aspetto particolarmente interessante riguarda la possibilità per il dipendente vittima di mobbing o soggetto ad ambientazioni lavorative altamente stressante, qualora riesca a dimostrare tali circostanze avverse non imputabili alla propria personalità ma bensì alle condotte inappropriate o vessatorie del datore di lavoro, d’estendere il periodo d’assenza oltre i termini massimi previsti dal proprio contratto collettivo.

In circostanze normali, infatti, ogni contratto stabilisce un cosiddetto “periodo comporto“, variabile generalmente tra 3 e 6 mesi, entro cui è possibile fruire dei giorni d’assenza retribuita in caso d’infermità. Tuttavia, se viene dimostrato che la causa dell’infermità deriva da comportamenti colpevolmente negligenti o dannosi por parte dell’azienda o dei suoi rappresentanti (come nel caso del mobbing), questa limitazione temporale cessa automaticamente d’applicarsi.

permessi per stress sul lavoro
Essere vittime di mobbing può fare ammalare – Foto | Giustiziabrescia.it

Ciò significa che in presenza de prove concrete dell’impatto negativo esercitato dall’ambiente professionale sulla salute mentale ed emotiva del dipendente – ad esempio attraverso documentazione medica dettagliata – questo può beneficiare legalmente della facoltà d’allontanarsi dal luogo nocivo fino al completo recupero delle sue capacità psicofisiche senza timore de vedersela preclusa dalla scadenza standard prevista dal comporto.

La tutela legale dello stress lavorativo

La legislatura italiana offre quindi una protezione significativa ai lavoratori affetti da disturbi derivanti da situazioni professionalmente insostenibili come lo sono appunto gli scenari caratterizzati da mobbing o elevatissimi livelli de pressione psicologica. Queste disposizioni normative mirano ad assicurare non solo la salvaguardia della salute fisica ma anche quella mentale dei dipendenti

L’esistenza di meccanismi come quello descritto conferma l’impegno verso una cultura aziendale più eticamente responsabile ed attenta alle dinamiche umane interne.

Attraversando questo cammino legislativo e culturale verso maggior tutela e sensibilizzazione sulle tematiche dello stress lavorativo si apre così uno scenario dove le persone possono sentirsi più protette nell’esprimere le proprie difficoltà senza timore de essere penalizzate nella loro carriera professionale ma anzi trovando sostegno nelle strutture predisposte ad accogliere ed assistere chiunque si trovi in situazioni difficili causate dall’ambiente stesso in cui opera quotidianamente.

Impostazioni privacy