Nuova riforma del catasto, addio a bonus e agevolazioni: perché aumenteranno tanti ISEE

Con la nuova riforma del catasto bisognerà dire addio a bonus e agevolazioni. Perché tanti ISEE sono destinati ad aumentare: le ultime. 

Tutti sanno che il catasto è un registro pubblico nel quale vengono registrati i dati relativi ai beni immobili, come terreni e fabbricati, presenti in un determinato territorio. Il suo scopo principale è fornire informazioni precise e aggiornate sulla proprietà, la superficie, la natura e la destinazione d’uso dei terreni e degli edifici. Sono diverse le funzioni che svolge il catasto che per prima cosa riesce a identificare i beni degli immobili.

Nuova riforma del catasto
Arriva la riforma del catasto – (Foto Canva) – Giustiziabrescia.it

Inoltre, il catasto stabilisce chi è il proprietario di un determinato immobile e fornisce informazioni dettagliate sulla sua estensione e confini. Questo organo è in grado di fornire anche le valutazioni fiscali degli immobili e di conseguenza calcolare le imposte sulla proprietà come l’IMU. Adesso però è in arrivo l’annuncio della riforma del catasto. Questa potrebbe avere delle conseguenze a dir poco negative, specialmente su quello che è il calcolo dell’ISEE.

Riforma del catasto, così aumenta l’ISEE: cosa cambia per gli italiani

La recente riforma del catasto solleva interrogativi sul futuro dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) e sulle possibili conseguenze per le famiglie italiane. L’ISEE, fondamentale per valutare la condizione economica di un nucleo familiare, tiene conto di vari fattori, tra cui i redditi, il patrimonio mobiliare e immobiliare. I benefici e le agevolazioni sono spesso legati a un ISEE basso, ma la riforma del catasto potrebbe influenzare questa dinamica.

Cosa cambia con la riforma del catasto
Cosa dice la nuova riforma del catasto voluta da Giorgia Meloni – (Foto ANSA) – Giustiziabrescia.it

Attualmente il valore catastale degli immobili non è sempre allineato con il valore di mercato. La riforma propone di aggiornare i valori catastali per renderli più coerenti con quelli di mercato. Questo potrebbe comportare un aumento della resa catastale degli immobili, con potenziali impatti sulle imposte locali e sul calcolo dell’ISEE. Le conseguenze sull’ISEE dipenderanno dalle specifiche normative e dalle variazioni regionali e comunali.

Tuttavia un aumento della resa catastale potrebbe influenzare direttamente l’ISEE, poiché i redditi totali percepiti dalle famiglie saranno coinvolti. Un ISEE più alto potrebbe ridurre l’accesso a bonus, agevolazioni fiscali e altri vantaggi sociali, con un impatto negativo su molte famiglie. È importante quindi che il Governo consideri attentamente le implicazioni sociali di questa riforma e adotti misure per proteggere i cittadini più vulnerabili.

L’incertezza attorno all’effettiva portata della riforma sottolinea la necessità di una valutazione politica approfondita e di un dialogo costruttivo con le parti interessate. In questo contesto è fondamentale garantire che le politiche pubbliche continuino a sostenere il benessere e l’inclusione sociale di tutti i cittadini.

Impostazioni privacy