C’è poco da scherzare a fare i furbi: non paghi il parcheggio ma se ti beccano sei fregato

La falsificazione dei contrassegni per disabili rappresenta un fenomeno che, negli ultimi anni, ha visto un inquietante aumento.

Questa pratica illegale non solo viola le norme vigenti, ma mette anche in grave difficoltà coloro che hanno effettivamente diritto a beneficiare di tali permessi. La legge è chiara: il contrassegno per disabili deve essere esposto nella sua forma originale e ogni tentativo di duplicazione o falsificazione costituisce reato.

parcheggio non pagato disabili
Se non paghi il parcheggio, potresti incorrere a gravi conseguenze- Giustiziabrescia.it

Il reato di falso scatta quando si crea un documento simile all’originale, indipendentemente dal fatto che tale originale esista realmente o meno. Ciò significa che sia chi realizza una fotocopia a colori del proprio pass legittimo sia chi ne produce uno ex novo senza averne diritto, incorre nella medesima responsabilità penale.

E’ reato fotocopiare un contrassegno invalidi?

Nonostante l’apparente chiarezza della normativa, la giurisprudenza ha mostrato negli anni un certo grado di oscillazione riguardo alla questione delle fotocopie dei contrassegni per disabili. Da una parte vi è l’interpretazione tradizionale secondo cui qualsiasi forma di clonazione del pass (salvo il caso di copie palesemente grossolane) costituisce reato; dall’altra parte alcune sentenze più recenti della Cassazione hanno adottato un approccio più indulgente, considerando la semplice fotocopia (anche se a colori e plastificata) non come reato, ma come oggetto meritevole solo di sanzione amministrativa qualora il soggetto detenga già l’originale.

parcheggio non pagato disabili
Fotocopiare il contrassegno disabili è reato – Ansa – Giustiziabrescia.it

Questa divergenza interpretativa lascia spazio a incertezze e potenziali abusi, rendendo fondamentale per gli automobilisti comprendere i rischi legali associati all’utilizzo improprio dei contrassegni per disabili.

La recente sentenza della Cassazione ha chiarito ulteriormente la posizione dell’ordinamento giuridico su questo punto. Secondo i magistrati, ciò che determina la configurabilità del reato è l’intenzione dell’individuo di usare il pass falso come se fosse quello originale. Se il documento viene esposto con lo scopo di apparire autentico agli occhi delle autorità competenti, allora si configura pienamente il reato di uso di falso.

In particolare, nel caso preso in esame dalla Corte Suprema si era verificata la condanna penale dell’individuo che aveva utilizzato una fotocopia plastificata del ‘pass invalidi’, concessogli legittimamente per sua madre, facendolo apparire come originale grazie alla plastificazione artigianalmente realizzata. La decisione sottolinea quindi l’importanza dell’intenzionalità nell’esposizione del documento contraffatto: solo se presentato senza alcuna intenzione ingannevole può essere evitata la condanna penale.

Utilizzare una fotocopia a colori del pass invalidi sulla propria auto non solo viola le disposizioni legali, ma espone anche al rischio concreto di sanzioni penali significative. La tutela dei diritti delle persone con disabilità passa anche attraverso il rispetto rigoroso delle normative sui parcheggi dedicati e sui relativi permessi d’accesso.

Gestione cookie