Fai attenzione che loro possono spiarti il conto, sono gli unici a poterlo fare

L’anagrafe tributaria rappresenta una risorsa informativa di primaria importanza per il controllo fiscale e la lotta all’evasione.

L’anagrafe tributaria è una vasta raccolta di dati anagrafici e fiscali relativi ai contribuenti italiani, sia persone fisiche che entità giuridiche. Questo database include informazioni dettagliate come i redditi dichiarati, le proprietà immobiliari, i veicoli intestati, contratti assicurativi, partecipazioni societarie e canoni di locazione percepiti. Una sezione particolare dell’anagrafe tributaria è dedicata ai rapporti finanziari dei contribuenti con banche e altre istituzioni finanziarie, contenendo dati su conti correnti, movimentazioni finanziarie e altri prodotti bancari.

spiare conto banca
Alcuni possono spiare il nostro conto – Giustiziabrescia.it

Essa si rivela uno strumento accessibile anche ad altri soggetti, estendendo il suo utilizzo ben oltre le finalità inizialmente previste. Vediamo quindi chi sono i soggetti autorizzati ad accedere a questa banca dati e quali procedure devono seguire.

Chi può avere accesso ai nostri conti

In prima linea nell’accesso a queste informazioni troviamo gli enti statali incaricati della lotta contro l’evasione fiscale: Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza hanno pieno diritto di consultare l’anagrafe tributaria per verificare la correttezza delle dichiarazioni dei redditi presentate dai contribuenti. Anche l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ed esattori locali possono accedervi ma limitatamente alle necessità legate al recupero crediti derivanti da tasse non pagate.

spiare conto banca
L’Agenzia delle Entrate può controllare il nostro conto – Ansa – Giustiziabrescia.it

Interessante è poi la possibilità offerta ai privati di consultare l’anagrafe tributaria per fini legalmente riconosciuti come legittimi. Tra questi troviamo il recupero crediti o la verifica della situazione economica del proprio congiunto in casi specificamente regolamentati dalla legge.

Recupero Crediti: Un individuo che ha ottenuto un decreto ingiuntivo nei confronti di un debitore può richiedere l’accesso all’anagrafe tributaria per identificare dove pignorare eventualmente i benì del debitore.

Revisione Assegno di Mantenimento: Un genitore che versa un assegno di mantenimento potrebbe voler verificare se il figlio beneficiario sia diventato economicamente autonomo al fine di chiedere la revisione o cessazione dell’assegno stesso.

Richiesta Aumento Assegno Divorzile: Nel caso in cui un ex congiuge venga a conoscenza informalmente dell’aumento dei redditi dell’altro ex congiunge può richiedere accesso all’anagrafe tributaria prima di procedere legalmente per chiedere un aumento dell’assegno divorzile.

I privati possono accedere ai dati contenuti nell’anagrafe tributaria principalmente in due casi:

1. Con Titolo Esecutivo: È necessario aver notificato al debitore un atto precetto e ottenuto successivamente autorizzazione dal presidente del tribunale.

2. Con Legittimo Interesse: In questo caso è sufficiente presentare domanda direttamente all’Agenzia delle Entrate fornendo adeguata motivazione supportata da documentazione necessaria a dimostrare il proprio interesse legittimo.

Queste modalità consentono quindi agli individui dotati dei requisiti necessari non solo di tutelarsi nelle situazioni legalmente previste, ma offrono anche uno strumento aggiuntivo nella gestione delle proprie questioni economiche, personali familiari o professionali finanziarie.

Gestione cookie